VINITALY 2019

VINITALY 2019

di Anna Lo Coco
tempo di lettura: 4 minuti

Vinitaly nasce nel 1967 ed è il Salone Internazionale del vino e dei distillati più grande al mondo. Si svolge ogni anno a Verona ed è rivolto agli appassionati e agli operatori specializzati.
Vinitaly 2019 si svolgerà dal 7 al 10 aprile ed accoglierà più di 4000 espositori provenienti da tutta Italia e da paesi esteri. Ci saranno degli spazi dedicati esclusivamente alla degustazione di vini bianchi, rossi e di spumanti, in cui verranno presentate anche produzioni internazionali. Inoltre, ci sarà un corso dedicato ai vini biologici certificati.
Possiamo dunque affermare che Vinitaly rappresenta la vetrina del vino italiano, poiché le aziende comunicano, sia all’interno sia all’esterno, i propri valori e le proprie scelte proponendo le novità.
In occasione di questo evento abbiamo pensato di approfondire il tutto con David RamirezMarketing Specialist di Gruppo Food.

Cosa significa partecipare al Vinitaly?

“Partecipare a Vinitaly, per chi lavora nel settore, è un modo per confrontarsi con una platea internazionale sui temi della filiera e del business enologico, ed è quindi un appuntamento imprescindibile, non solo per le aziende produttrici che hanno così l’occasione di promuoversi, ma per tutti gli operatori che desiderano restare aggiornati sui temi di attualità, i trend dei diversi mercati e dei diversi canali, nonché per partecipare a percorsi di formazione” afferma David Ramirez, che continua “Vinitaly ha saputo creare attorno al business del vino made in Italy un vero e proprio portafoglio di eventi ed enti che, ruotando attorno ai diversi aspetti che caratterizzano il settore, ne hanno sancito il successo e l’internazionalizzazione”.

(Fonte: https://winenews.it/it/vinitaly-sempre-piu-digital-nel-mondo-e-a-verona-degustazioni-ed-eventi-in-fiera-ed-in-citta_387220/2/)

Quali sono le tecniche per far capire il valore/qualità di un determinato vino rispetto ad un altro?

“Il vino è un bene estremamente complesso, e per il consumatore medio (non appassionato) questo si traduce in una problematicità al momento dell’acquisto. Basti pensare al fatto che oggi in Italia sono presenti oltre 500 denominazioni differenti tra DOP e IGP, ognuno con le proprie caratteristiche e i suoi disciplinari di produzione da seguire. Farsi strada tra questa varietà di scelta così ampia è un compito cognitivamente impossibile e si va incontro a quello che in marketing è definito “information overload”. Finisce spesso che in punto vendita, se non intervengono appigli emotivi o neurali (anche in mondo enologico si comincia finalmente a parlare di neuromarketing) alle denominazioni o più spesso alle etichette, è quasi ovvio che il prezzo diventa driver di scelta, puntando a certe fasce in relazione all’occasione di consumo.
Non è certo sbagliato questo approccio, ma non tiene conto e non dà merito al reale valore intrinseco del vino – che può non avere a che fare con il prezzo.
Ad oggi internet e le molte app aiutano a mitigare questi gap informativi, tuttavia si tratta sempre di azioni attivate dal cliente stesso, mentre manca spesso una logica push da parte di aziende e rivenditori. Nei punti vendita specializzati (come nelle enoteche) questo problema viene risolto dagli addetti, ma non sempre è così (basti pensare alla GDO).
Si tratta perciò essenzialmente di un gap informativo e di comunicazione, e le possibilità per diminuirlo non mancano, ma ci vuole impegno lungo la filiera e, non ultimo, da parte del Trade” – David Ramirez, Marketing Specialist di Gruppo Food

Qual è la differenza tra pubblicizzare un vino piuttosto che un altro prodotto?

“Innanzitutto, credo che sia importante, anche in questo caso, fare una differenza tra comunicazione e pubblicità. Per fare un’analogia, forse un po’ azzardata (non me ne vogliano i produttori che mi leggono) ma che aiuta a inquadrare il punto, si potrebbe confrontare a livello di marketing il settore del vino con quello delle automobili. Di automobili ci sono le categorie in base a specifiche caratteristiche strutturali, ci sono i brand, ci sono scale prezzo molto ampie e ogni fascia con le proprie differenze interne; allo stesso modo nel vino si possono ritrovare attributi concettualmente simili, ma a mio parere con una dimensione di complessità maggiore (denominazioni, metodi di produzione, origine, certificazioni, regioni, consorzi, anno e invecchiamento, temperature di servizio, bicchieri adatti, abbinamenti, etc.), certo a fronte di valori monetari unitari molto minori (fattore che si rapporta comunque al diverso orizzonte temporale di “utilizzo del bene”).
Con qualche veloce confronto è possibile verificare come i frame psicologici con i quali vengono pubblicizzate queste due diverse categorie siano simili: chi utilizza valori emotivi (libertà, spensieratezza, divertimento, “coolness”), chi origini (autenticità, appartenenza al territorio, valore dell’origine), chi dimensioni cognitive (utilità, semplicità, comodità).
La pubblicità del vino deve quindi cercare di essere sempre più ancorata alle dimensioni più vicine a quelle dell’azienda e del vino in questione, studiata in base al target di riferimento, tenendo presente che oggi i messaggi indifferenziati e generici sono controproducenti e mostrare delle generiche vigne nei formati adv espone al rischio di essere ignorati.
Consideriamo anche che la pubblicità oggi per essere efficace deve essere sempre più multi-canale. La comunicazione invece è un altro paio di maniche”. – David Ramirez, Marketing Specialist di Gruppo Food

Vino e comunicazione

“Cerco di differenziare la comunicazione dall’adv perché mai come nel settore vitivinicolo il valore del vino deve essere comunicato, nel senso che deve essere trasmessa la conoscenza relativa alla specifica bottiglia all’interlocutore, ed è oggi sempre più difficile farlo con metodi broadcast perché le persone cercano sempre più la personalizzazione (trend conosciuto e ormai trasversale).
La figura del Sommelier al ristorante nasce proprio per portare la conoscenza del produttore sul proprio prodotto fino all’ultimo miglio, al consumatore, facendo quindi da ponte vivente, e consigliando quest’ultimo sui migliori abbinamenti e sulla storia che ogni etichetta porta con sé: storie spesso di famiglie, generazioni, passioni e terre vitate.
I vini italiani sono apprezzati in tutto il mondo proprio per queste storie, autentiche narrazioni che arricchiscono il valore del liquido versato nei bicchieri.
Tutti gli ultimi report e ricerche parlano di consumi che si spostano verso i segmenti premium, dove regna la qualità: è compito di ogni rivenditore, e non più quindi solo dei sommelier al ristorante, accompagnare questo spostamento dei consumi con proposte comunicative adeguate a supportare i clienti.”
E nell’ambito della GDO? David Ramirez conclude:
“Qualcosa si sta facendo anche in GDO, ma è ancora troppo poco.
Banalmente, ne gioverebbe l’intera filiera a partire da valori più alti e margini commerciali migliori – e potenzialmente anche l’ecosistema, considerando lavorazioni agricole e produzioni mirate a qualità migliori”.

 

 

 

ON/OFF FOR ENTREPRENEURS: GROWTH EDITION

ON/OFF FOR ENTREPRENEURS: GROWTH EDITION

di Francesca Cisternino
tempo di lettura: 3 minuti

Venerdì 2 Aprile, il team di Oikosmos ha partecipato al secondo incontro organizzato da Officine On/off dal titolo “On/off for Entrepreneurs: Growth edition” con Andrea R.Bifulco e Antonio Cellie. 

Se sei uno startupper, professionista o aspirante freelance non puoi non incuriosirti di fronte la realtà che Officine offre: una community collaborativa che promuove l’imprenditorialità, l’innovazione sociale e tecnologica del territorio. Uno spazio di coworking dove si condividono e valorizzano competenze professionali multidisciplinari.

Ad aprire l’incontro, dopo la presentazione di Marco D’Angelo, è Tiziana Benassi, la quale in rappresentanza del Comune di Parma ha parlato del progetto europeo “Ruggedised

“Parma è l’unica città italiana all’interno di questa partnership, con lo scopo di elaborare una smart city per mettere a sistema diverse competenze e iniziative”.

Benassi ci spiega l’importanza di creare un network tra i diversi protagonisti del settore ancor prima di fare sistema:

“L’ecosistema imprenditoriale si fa con le persone. Confrontare le esperienze professionali fa la differenza”.

A seguire, interviene Isabella Benecchi (Camera di commercio di Parma): “Ci sono dei presupposti specifici che consentono alla nuova impresa di avere la qualifica di start up innovativa”. Dopo aver acquisito questa denominazione, continua a spiegare Benecchi, si ha accesso a molteplici agevolazioni e benefici, tuttavia “non tutte le start up sono innovative ai fini italiani”. Inoltre, la Dirigente della Camera di Commercio di Parma ha puntualizzato sia l’importanza dell’iscrizione nel registro delle imprese, sia la nomina di un imprenditore: “Non c’è impresa senza imprenditore. Creare imprenditori di qualità è una missione incredibile e richiede un’attenzione permanente nei confronti delle persone”.

L’incontro continua con Andrea R. Bifulco che ci racconta la sua esperienza da insegnante e consulente, dopo aver lavorato per grandi aziende come Google e Vodafone: “Ho capito che non era il caso di fare il dipendente, lavorare per queste aziende mi ha dato gli strumenti da mettere nel mio bagaglio e continuare a fare esperienza”. Oggi Andrea oltre ad insegnare in prestigiose Università italiane e offrire consulenza ad imprenditori, start up e aziende per aiutarle nel growth hacking, organizza eventi per la più grande comunità di start up in Italia: Startup Grind Milano.  “Passo dal fintech ad un ecosistema di vernici, l’unica cosa che gli accomuna è supportarli nella crescita”-  conclude Bifulco che passa la parola ad Antonio Cellie, CEO di Fiere di Parma.

Di origini bolognesi, Cellie ci racconta quali sono le soft skills del “mestiere”, tra queste la capacità relazionale: “Le fiere sono un luogo che vende relazioni. Il segreto di qualsiasi mestiere è sviluppare capacità relazionali, perché solo così si può trovare la soluzione al problema. Se non avete questa capacità dovete trovarla”.

Per essere degli imprenditori, o ancor prima degli startupper è fondamentale avere familiarità con i bilanci e avere chiaro in mente la scalabilità dei ricavi, ci spiega il CEO.  Un altro tema importante trattato da Cellie è l’etica: L’approccio al cambio di governance è fondamentale. La biotech deve essere una scelta di natura etica affinché la governance diventi una soluzione di lungo periodo”.

La Growth Edition si conclude con l’intervento di due start up: A.G.M.A e IMMERSIO

La prima è una start up del territorio che – “si occupa di sviluppare applicazioni virtuali orientati”– ci spiega Matteo Calavieri, CEO di Immersio- Virtual Reality to Business.

“Il primo cliente l’abbiamo trovato prima di costituire la società. Siamo andati su ebay a cercare il primo visore e abbiamo trovato esperienze scaricabili da internet su cui fare demo”, Cavalieri continua dicendo – “Nel tempo abbiamo trovato partnership con degli sviluppatori, ma prima ci vedevamo come tali senza effettivamente esserlo”.

A raccontare la storia di A.G.M.A., start up innovativa parmigiana nata in ambiente univeristario, è il co-founder Lorenzo Sambo: Abbiamo creato un legame inorganico in grado di sostituire il cemento. E’costituito da materiali di scarti, è ecosostenibile, infatti riduciamo dell’80% le combustioni”.

Sambo ci permette di toccare con mano questo “mattoncino” più leggero del cemento e continua dicendo: “Riusciamo ad unire quello che è l’ecosostenibilità con un costo contenuto”.

Il secondo evento di Officine On/Off si conclude così: con uno scambio di consigli, sorrisi, e qualche nozione in più nel nostro bagaglio.

 

 

 

NEAM MARZO 2019

NEAM MARZO 2019

NEAM MARZO 📞
Yes guys, March is over!
Questo è un mese un po’ speciale per Neam e domani saprete il perchè!
Nel frattempo non perdetevi le notizie di questo mese.
Abbiamo scelto per voi:

1.Green Marketing: Floor Advertising e Street Marketing

2.Gran Cereale ad emissioni zero: ora è realtà

3.Il futuro in casa Apple

4.La blockchain approda nell’agroalimentare

5.Dalla via della seta a One Belt One Road

Buona lettura!

 

1. GREEN MARKETING: FLOOR ADVERTISING E STREET MARKETING

1. GREEN MARKETING: FLOOR ADVERTISING E STREET MARKETING

di Anna Lo Coco

Tempo lettura: 2 minuti

Il “Green marketing” viene definito come un insieme di attività ecosostenibili volti a promuovere un prodotto, per conciliare i bisogni dell’ambiente con quelli dei consumatori facendo così accrescere il valore dello stesso prodotto.

Fonte: https://www.euronews.com/2018/10/27/italy-graffiti-campaign-seeks-to-save-lesser-used-words-from-extinction

 

Un esempio di “Green marketing” lo ritroviamo nel “Floor Advertising”, una tipologia di pubblicità fatta tramite messaggi pubblicitari incollati sul pavimento, che permettono di ridurre i costi e di ottimizzare gli spazi all’interno del punto vendita, in quanto andrebbero a sostituire i normali cartelli pubblicitari.

Questo tipo di pubblicità è utilizzata principalmente nella Grande Distribuzione Organizzata per guidare il consumatore verso alcuni prodotti in promozione o semplicemente per fornire un percorso personalizzato all’interno del punto vendita.

Il pavimento pubblicitario viene realizzato tramite la stampa digitale su PVC (cloruro di polivinile – plastica riciclabile), che tramite le sue proprietà, consente al consumatore di poterci camminare sopra senza paura di scivolare. Inoltre utilizza delle applicazioni che permettono di modificare le immagini per personalizzarle.

Nonostante il “Floor Advertising” abbia un costo inferiore rispetto ai soliti cartelli pubblicitari, molte aziende si sono ritrovare a dover tagliare altri costi, per questo si è pensato di riadattarlo alla strada utilizzando la tecnica dello Street Marketing.

(Fonte: https://www.euronews.com/2018/10/27/italy-graffiti-campaign-seeks-to-save-lesser-used-words-from-extinction)

Uno dei più recenti esempi di Street Marketing è quello portato da Zanichelli, che ha lanciato l’iniziativa “La cultura si fa strada” per riprendere alcune parole italiane che si stanno per perdere.

L’azienda ha posizionato dei graffiti urbani, con l’hashtag #laculturasifastrada, in 50 città italiane, in prossimità di scuole e zone pedonali per colpire il proprio target di riferimento, ovvero i ragazzi.

(Fonte: https://corrieredelweb.blogspot.com/2017/12/jungle-firma-campagna-di-street-adv-per.html)

I graffiti sono stati realizzati con una miscela che aveva come base lo yogurt, preso da scarti industriali, e da gesso che si sarebbe cancellato, in due settimane circa, utilizzando solamente dell’acqua. In questo modo non vengono utilizzate sostanze tossiche e non viene prodotto alcun tipo di rifiuto.

Stessa tecnica è stata adottata da “Banca 5” che, grazie all’agenzia pubblicitaria Jungle, ha realizzato 240 graffiti green, sparsi in tutta Italia, temporanei ed ecosostenibili.

Possiamo, dunque, affermare che questa tipologia di marketing pubblicitario permette all’azienda di raggiungere il proprio target in minor tempo con messaggi originali che attirano l’attenzione, riducendo l’impatto ambientale e senza produrre rifiuti.

 

2.GRAN CEREALE AD EMISSIONI ZERO: ORA E’ REALTA’

2.GRAN CEREALE AD EMISSIONI ZERO: ORA E’ REALTA’

di Asia Bonaldi

Tempo di lettura: 2 minuti

Gran novità in casa Barilla! Il colosso parmense ha recentemente rivelato la prima linea di prodotti che sarà  totalmente prodotta a emissioni zero: i Gran Cereale.

Fonte: Barilla Group

Lo stabilimento coinvolto è quello di Wasa. E’ il più grande produttore svedese di pane croccante al mondo che è entrato a fare parte del Gruppo Barilla nel 1999.

E’ dal 2013 che questo stabilimento sta cercando di ridurre al minimo l’impatto nocivo che le fabbriche hanno sull’ambiente.

Ad oggi Wasa è riuscito a ridurre non solo l’82% delle emissioni nocive di CO2 ma anche il 15% dei consumi di acqua per tonnellata di prodotto e si è sempre più avvicinato a imballaggi riciclabili, cercando di abbandonare poco alla volta la tanto discussa plastica.

Fonte: Barilla Group

Lo stabilimento svedese inoltre è alimentato interamente con elettricità proveniente da fonti rinnovabili e ha deciso di abbandonare i camion e le strade, per quanto riguarda il trasporto dei prodotti finiti dalla Svezia alla Germania, preferendo invece i treni (meno inquinanti rispetto ai camion).

L’insieme di queste operazioni a riduzione dell’inquinamento e degli sprechi, hanno contribuito a ridurre di 1.612 tonnellate l’anidride carbonica emessa in un solo anno.

Per quella che invece non si riesce a ridurre l’azienda ha deciso di avviare dei progetti ambientali che hanno l’obiettivo di catturare, e di eliminare, le emissioni di CO2 che non si riescono a ridurre nella produzione dei prodotti finiti.

 

«Si stanno valutando altre modalità per ridurre ulteriormente il consumo d’acqua negli stabilimenti. Lavoriamo inoltre con i fornitori per la coltivazione sostenibile della segale e tra qualche mese prenderanno il via i test per capire come introdurre il nuovo modello nei campi in Svezia» afferma il Responsabile Ambiente di Barilla Luca Ruini.

 

Tutto ciò è reso possibile dall’ingente investimento di Barilla in sostenibilità e innovazione, che ammonta a circa 1 miliardo di euro.

A supporto della riduzione dell’impronta ambientale c’è in atto un piano di investimenti per l’ammodernamento degli impianti produttivi e l’adozione di tecnologie ad alta efficienza.

Barilla si è prefissata poi l’obiettivo di ridurre del 30% le emissioni di CO2 e acqua rispetto a quelle registrate nel 2010.

 

Il colosso Barilla sta cercando di creare una filiera sempre più sostenibile tavola e si sta cimentando su più fronti per far sì che tutto ciò diventi realtà: dal migliorare l’efficienza dei processi produttivi per ridurre le emissioni di gas serra e i consumi idrici fino a promuovere nell’agricoltura e nell’allevamento best practice più sostenibili per tutte le filiere strategiche.

 

Ancora non è stato annunciato quando questa linea a zero emissioni entrerà in commercio e noi consumatori potremmo finalmente vederla a scaffale.

Non so voi ma quando vedrò Gran Cereale non mi resterà che pensare a tutto lo studio, alle risorse e alle energie che Barilla ha deciso di dedicare alla salvaguardia del nostro ambiente e alla riduzione dell’inquinamento.

#IDE2019 Oikosmos intervista Lorenzo Bertè – Caffeina

#IDE2019 Oikosmos intervista Lorenzo Bertè – Caffeina

Il primo incontro di INSIDE DIGITAL ERA ha visto come protagonisti Graziano Vincini e Lorenzo Bertè di Caffeina.

In questa intervista a Lorenzo Bertè, lead experience designer di Caffeina, approfondiamo il tema della UX.

Quali sono le skills necessarie per diventare un experience designer?
Qual è la differenza tra UI e UX?
Come funziona l’experience center di Milano?

Scopritelo in questa intervista di Roberta Signorino Gelo

Powered by Oikosmos